Vaccino killer?

Negli ultimi giorni in Italia è scoppiata la psicosi del vaccino killer. Sono circa undici i decessi sospetti per la correlazione presunta tra le dosi di vaccino antinfluenzale ed il decesso. Le regioni colpite per ora sono il Lazio, la Toscana e la Sicilia ed il vaccino in questione è il Fluad della casa farmaceutica Novartis.

Il Ministero della Salute e l’Agenzia Italiana del farmaco, a seguito dei primi decessi avvenuti nella capitale e a Siracusa hanno tolto immediatamente dal commercio alcuni lotti del farmaco interessato e non si esclude la possibilità di vietare definitivamente la vendita del prodotto della Novartis.

«Dalle prime analisi effettuate – sottolinea l’Aifa – non ci sono evidenze di una contaminazione del prodotto,  al momento non è possibile affermare che vi sia una relazione diretta fra la somministrazione del vaccino e le morti riportate, in quanto sono necessarie informazioni più complete e deve essere condotta un’analisi accurata dei casi».

Ad ogni modo in Italia è iniziata una vera e propria psicosi con decine e decine di segnalazioni, al punto che il Ministero ha attivato il numero verde 1500 per dare assistenza ed informazioni necessarie per il caso in questione.

E’ intervenuta sulla vicenda anche il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin che da Bruxelles ha anticipato i risultati dei test fatti dall’Istituto superiore di sanità sui due lotti sotto accusa: «Questo esame tossicologico ci fa tirare un sospiro di sollievo. I lotti esaminati sono adatti ad essere messi in commercio». Non c’è alcuna evidenza scientifica, dice il ministro, che le morti sospette siano legate alle vaccinazioni Fluad.