“Sharing Economy”: una realtà… economica

La sharing economy (o consumo collaborativo) è un modello economico che dà la possibilità di scambiare e condividere beni o servizi fra persone.

Essa stessa è una delle realtà più “giovani” nel nostro paese.

In Italia ci sono più di cento piattaforme per lo scambio di beni di cui non tutti sono a conoscenza.

Il tutto si divide in diversi ambiti in base all’utilizzo che si intende farne:

  •  Per Arte, cinema e/o teatro, “MovieDay” , “MyHomeGallery” e “Teatro X Casa” ne sono esempi molto gettonati.

Rispettivamente, il primo ti permette di organizzare e prenotare una proiezione nei cinema della città, il secondo permette a scultori, pittori e artisti di aprire le case ai turisti come gallerie d’arte.

Il terzo ed ultimo permette di creare uno spettacolo teatrale ed esibirlo a persone che non pagano biglietto ma possono lasciare un’offerta libera.

  •  Per i viaggi esistono piattaforme come “BeWelcome” con cui gli utenti mettono a disposizione la propria casa o parte di essa gratuitamente per un periodo limitato o “AirBnb” a prezzi economici.

Tutto questo non solo per il risparmio economico ma anche per favorire scambi interculturali, oltre al divertimento di provare esperienze completamente diverse.

Una nuova forma di turismo che permette di conoscere persone che vogliono condividere lo stile di vita, usi e costumi del posto.

  •  Per il settore dei trasporti, dato il costo elevato del carburante, sono state sviluppate nel corso del tempo servizi di Car Sharing o Bike Sharing.

Ne sono un esempio “Uber” e “BlaBlaCar”, community utilizzate per viaggiare condividendo la spesa del viaggio con altre persone.

Questi sono soltanto pochi dei tanti esempi che sono presenti on-line con altre categorie tutte da scoprire.

Oltre ad un innumerevole dose di risparmio, la Sharing Economy contribuisce anche a salvaguardare l’ambiente.

Per esempio, se la stessa automobile viene condivisa da più soggetti, si ridurrebbero considerevolmente il consumo di benzina e i gas immessi nell’ambiente.

Sempre più persone utilizzano questo nuovo stile, che porta a creare legami fra le persone, in un periodo in cui la fiducia tende sempre più a scarseggiare.

 

Sara Fabiani.