Rinasce il parco storico: Stupinigi come nel 1740!

tratto da threesixty.it – 01/06/2016

Fino al 31 Luglio* ingresso gratuito nei giardini della Palazzina
Fotografie HR free download

Dal 1° Giugno 2016 torna a fiorire il Parco Storico della Palazzina di Caccia di Stupinigi (Nichelino, To) e con il biglietto d’ingresso al museo sarà possibile ammirare – per la prima volta dopo anni di lavori – anche l’area verde da cui partivano le rotte di caccia.
Le perfette geometrie del parco rappresentavano, già nella visione del genio juvarriano, l’ideale continuazione del disegno della Palazzina di Caccia di Stupinigi: un impianto scenografico straordinario per l’epoca.
Il nuovo percorso di visita aperto al pubblico dalla Fondazione Ordine Mauriziano prevede dal 1° Giugno anche l’accesso ai giardini dal Salone Centrale compreso nel biglietto.

Hanno contribuito al recupero delle aree verdi Fondazione CRT e Consulta di Torino, che in passato avevano permesso il ripristino del disegno originale dei parterre antistanti la Palazzina e il reimpianto delle alberate storiche di pioppi cipressini attorno alla residenza. ParcoStupinigi

Il parco venne realizzato a partire dal 1740 da Michel Bénard come giardino formale all’italiana con parterres a broderie delimitati da siepi di bosso e ligustro, decorati in estate da vasi di fiori e agrumi. Dal 1854 l’impianto settecentesco venne trasformato gradualmente per adeguarsi al nuovo gusto romantico inglese. Vennero dunque creati percorsi secondari ad andamento sinuoso con nuovi elementi paesaggistici. Il Parco Storico è stato oggi riportato ai disegni originali in cui il Salone delle feste si affaccia sui grandi viali che si irraggiano, in fuga, verso i territori di caccia e le campagne dell’antico Ordine cavalleresco.

*Dal 1° Agosto chi vorrà aggiungere alla visita al museo una “passeggiata principesca” spenderà 3€ in più (2 € per i ridotti). Fino ad allora l’ingresso sarà gratuito.

Venerdì 8 Luglio dalle 19.30, nell’ambito della rassegna Teatro a Corte, il Parco Storico della Palazzina ospiterà uno spettacolo in 3 atti: l’installazione Delle fiabe e delle sedie di Marco Muzzolon, la mini-performance Instant de Suspension delle acrobate Pauline Barboux e Jeanne Ragu e il doppio show Le chas du Violon / Evohé della compagnia Les Colporteurs (rispettivamente un racconto del legame tra madre e figlia e una rilettura del mito di Teseo e Arianna. Info www.teatroacorte.it).