Omosessualità, questa sconosciuta.

15 Novembre 2016

di Nicola Accordino

Nonostante dalla metà del XX secolo si sia ricominciato a parlare di omosessualità dopo i secoli dell´oscurantismo Cristiano, solo negli ultimi 60 anni si è visto un crescente interesse verso la tematica dei diritti della comunità GLBT. Sebbene sia stata depennata dal novero delle malattie mentali da più di 25 anni, si tende ancora nella nostra società contemporanea a condannare l´omosessualità e a negare qualsiasi coinvolgimento sentimentale, ponendo l´accento esclusivamente su quella che viene spesso definita come una perversione o devianza sessuale.

love-is-love-1
La religione Cristiana e in generale tutte le religioni monoteiste, continuano ad osteggiare, in modo fisicamente o verbalmente aggressivo, qualsiasi riconoscimento sociale od affettivo del mondo omosessuale.

Si passa dalle impiccagioni dei paesi musulmani fino ad arrivare nel “mondo civile” occidentale a quelle che sono vere e proprie campagne tese a sminuire e ridicolizzare non solo la vita ma anche le problematiche che l´accettazione dell´omosessualità comporta. Con il risultato di creare dei fanatici pronti a punire e sempre più speso, a colpire come i recenti fatti di Orlando o i continui pestaggi ai danni della comunità GBLT hanno purtroppo tristemente evidenziato.
Ma perché ciò accade?

L´omosessualità va a confliggere con il nichilismo ed il maschilismo imperante nella cultura occidentale, dove i ruoli sono strettamente assegnati e rigorosamente imposti, dove il diverso viene deriso ed osteggiato, dove la violenza impera in ogni sfera.

In questo bell´ambiente, l´omosessualità è vista come una variabile anomala, che porta caos e scompiglio in una cultura che vuole ad ogni costo ghettizzare e incasellare tutto e tutti.

Inoltre il sesso è uno degli ultimi tabù della società occidentale.

Nonostante infatti ci sia un mercimonio del corpo umano in tutte le sue declinazioni, parlare di sessualità al di fuori dei consueti canoni socialmente accettati da ancora fastidio.

Una delle battaglie che vengono condotte in Italia ed altre Nazioni è quella per l´introduzione di un serio programma di educazione sessuale, che possa proteggere non solo da tutte quelle che sono le problematiche classiche (Gravidanze indesiderate, trasmissione di malattie, etc.), ma anche di una maggiore accettazione delle variabili sessuali.

E questo sarebbe un ulteriore passo verso una società più giusta.