Ma tu lo sai cos’è la Fobia Sociale?

di Andrea Frullini

La Fobia Sociale è un impedimento molto frequente e diffuso ultimamente, è un disturbo d’ansia la cui percentuale di popolazione che ne soffre, secondo alcune statistiche, sta aumentando. Maggiormente colpite, sono le persone di sesso femminile, e sembra che questo disturbo esordisca soprattutto nell’adolescenza o nella prima età adulta.

La principale caratteristica della Fobia Sociale è la paura o il forte disagio a interagire con gli altri, un’acuta difficoltà che si manifesta con un grande imbarazzo, portando colui/lei che ne soffrono a temere di essere umiliato, inadeguato o addirittura deriso. E’ fortissimo il timore di ricevere giudizi negativi, e per questo si tende a evitare di partecipare a situazioni caratterizzate da una forte componente sociale. Il timore di comportarsi o agire in maniera “sbagliata”, di fare qualcosa di fronte agli altri, caratterizza chi soffre di questo disturbo.

Azioni semplici per alcuni, come parlare in pubblico, possono rivelarsi un ostacolo immenso per chi è affetto da questa disfunzione.

2.1Detta anche Ansia Sociale, può manifestarsi anche solo quando si deve entrare in un posto dove vi sono altre persone, assale senza una ragione e aumenta se si teme che gli altri possano accorgersi del nostro disagio. La paura di tremare o di arrossire, o di sbagliare a parlare, sono tutti fattori che possono innescare questo tipo di disturbo.

Due sono i modi in cui si palesa la Fobia Sociale: si può avvertire una condizione di ansia generalizzata, e quindi soffrire per tutte le situazioni sociali, oppure vivere una condizione di ansia sociale soltanto in determinate situazioni collettive.

Se trascurata, la Fobia Sociale può diventare cronica e stabile, e spesso innesca altri disturbi, quali ad esempio la depressione. Appare chiaro che se accertata la condizione di sofferenza dovuta a Fobia Sociale è necessario curarla.

In questo caso, come per tutti i disturbi d’ansia, un percorso psicoterapico si rivela generalmente molto efficace, a volte può essere necessario ricorrere anche a cure farmacologiche, che però spesso non si rivelano così efficaci. Nel campo psichiatrico i farmaci che sono prescritti sono fondamentalmente di due categorie: gli anti depressivi e le benzodiazepine.

Appare chiaro che è meglio puntare sul recupero dell’autostima, per fronteggiare la Fobia Sociale, cercando di modificare i pensieri disfunzionali e lavorare concretamente al recupero delle risorse insite nella persona, così da poter affrontare le situazioni che maggiormente creano difficoltà.

Gli eventi che ci coinvolgono possono dare origine alle cosiddette convinzioni irrazionali o disfunzionali, che derivano da schemi poco adattivi e rigidi che abbiamo interiorizzato nel tempo, e che immancabilmente entrano in gioco quando dobbiamo esporci al giudizio di altre persone o affrontare situazioni sociali.

La paura di perdere il controllo, di non saper fronteggiare la situazione può far scattare meccanismi ansiosi.

Attraverso un trattamento di psicoterapia individuale è possibile curare la Fobia Sociale, e anche grazie a un percorso di lavoro di gruppo psicoterapeutico si può recuperare quell’autostima che può metterci al riparo da fenomeni ansiosi e debilitanti.