L’italiano nella comunicazione globale: tra marginalità  e prestigio.

20 Ottobre 2016

di Daniela Bardelli

Ad occupare saldamente il primo posto tra le lingue maggiormente utilizzate nella comunicazione globale è  senza dubbio l’inglese ( o anglo-americano) , alla cui diffusione concorrono molti fattori:  da quelli economici a quelli storici, da quelli legati all’ espansione tecnologica a quelli eminentemente morfologici ( l’inglese comunicativo, – non quello letterario ! – ha una struttura grammaticale  e sintattica relativamente semplice), ecc.

All’italiano invece compete una posizione più  bassa: è  una lingua che risulta utilizzata occasionalmente dagli stranieri, per lo più  per esigenze turistiche. Ma negli ultimi anni si registra una tendenza a una maggiore conoscenza della nostra lingua tra gli stranieri.

Nel mondo si individuano due canali principali per la diffusione e la promozione della nostra cultura e della nostra lingua: le attività  legate agli Istituti di Cultura, alle università,  agli organismi internazionali in genere e i corsi di italiano organizzati da organismi privati , spesso dalle associazioni di italiani all’estero, che garantiscono la vitalità della nostra lingua nei nostri migranti di seconda o terza generazione.

inglese-bambini
Le ultime indagini sulla presenza dell’italiano in Europa, nel bacino del Mediterraneo o addirittura  oltreoceano  documentano che la nostra lingua si va diffondendo anche come strumento comunicativo utile da imparare per motivi di lavoro.

L’italiano infatti sta acquisendo una spendibilita’ commerciale: non più  soltanto nel campo del turismo , ma anche in quello imprenditoriale.

Pur nella situazione critica che investe la nostra economia, le esportazioni di prodotti delle imprese italiane continuano ad incrementare la promozione dell’italiano, soprattutto per quanto riguarda il mondo dell’abbigliamento e della moda in genere, ma anche nei settori dell’edilizia e dell’arredamento.

Anche se le imprese straniere spesso possono offrire prodotti analoghi a minor prezzo, il merito raggiunto dalla nostra tradizione manifatturiera è  ancora assai elevato , e questo contribuisce al prestigio della nostra lingua , che si estende anche oltre i termini consolidati in campo culturale e musicale ( per quanto riguarda la musica classica ed operistica, i termini tecnici italiani sono d’obbligo in tutto il mondo).

Chi voglia approfondire questi argomenti può  leggere il saggio

“Il mondo in italiano. Varietà  e usi internazionali della lingua” , Laterza.