La XVII edizione di ‘Messer Tulipano’ a Pralormo

di Giacomo Costantino

Dal 4 Aprile al 1 Maggio 2016 un gradito ritorno, Messer Tulipano al Castello di Pralormo.

Quest’anno nel parco del castello medievale di Pralormo nel cuore del Piemonte, sarà ospitata la XVII edizione, e come ogni anno il filo conduttore sarà la fioritura dei tulipani con i suoi splendidi colori.

Ed è proprio attraverso il benessere che colore e le sue sensazione ci donano, che ci misuriamo immergendoci in questa straordinaria mostra, per poi toccare con mano quello straordinario stato sensoriale con tutte le sue sfumature cromatiche che si hanno come risultato nel complesso tuffandosi in questa realtà.

Castello di Pralormo
Messer Tulipano

Mi viene da pensare al pittore che stende il suo colore sulla tela e dove il pittore in questo caso prende il nome di “natura”.

In fondo siamo di fronte a dei dipinti e potremmo chiederci ingenuamente come fanno ad esser cosi perfetti? Come fa la natura a metterci così tanta perizia e maestria? Ogni colore al suo posto ricopre la tela in ogni suo punto, così che essa ne risulti interamente nascosta, e non lascia trasparire la minima traccia del pennello.

Pennellate che lasciano il segno, con un ineguaglianza e una semplicità disarmanti facendo apparire in primo piano i soggetti ed esaltando la natura con i suoi colori.

La meravigliosa fioritura di oltre 75.000 tulipani e narcisi preannuncia la Primavera.

In questo 2016 tra le innumerevoli varietà selezionate ci sarà una collezione di tulipani neri, i nuovissimi tulipani pop up che sembrano dei coni gelato.

Ogni anno la mostra propone nuovi allestimenti a tema, per l’edizione 2016, l’argomento sarà “il linguaggio dei fiori”.

Nel parco dell’antico Castello e nella serra ottocentesca, saranno allestite scenografie, mostre ed esposizioni che offriranno spunti nel campo della moda, dell’arte e del flower design.

In considerazione che stiamo viviamo in un periodo ed in una società che ha molta fretta, che ci vuole sempre attivi, pronti e con una risposta tempestiva, questo può essere un ottimo momento per riprenderci il nostro tempo per fermarsi, per riflettere, per rielaborare.

Sicuramente è solo un inizio, ma è senza dubbio un buon inizio.