Concettini Hammond 4ET

Manuel Concettini: Tromba
Nicola Concettini: Sax
Manrico Seghi: Organo Hammond
Vladimiro Carboni: Batteria

Concettini Hammond 4ET
Concettini Hammond 4ET

Un quartetto dinamico e travolgente caratterizzato da una straordinaria sinergia e interazione tra i singoli componenti.
La condivisione di idee e le influenze musicali hanno consolidato un progetto musicale nel quale il virtuosismo e individuale si mescola all’alchimia, la ricerca timbrica, il gioco dinamico e ritmico del collettivo.

L’interazione conferisce un carattere brioso e travolgente al repertorio composto da rielaborazioni di standards jazz, arrangiamenti di brani contemporanei e composizioni originali che esaltano il carattere del quartetto.
Il lavoro di ricerca stilistico conferisce alla formazione un’identità unica e originale: forte richiamo alla tradizione contaminata da elaborazioni armoniche, ritmiche e interpretative in una coesione tra moderno e tradizione.

Manuel Concettini
giovane trombettista di origine Molisana, inizia la sua formazione artistica nel conservatorio di Campobasso all’età di 9 anni.
Qualche anno dopo intraprende il suo percorso verso la musica jazz presso la scuola “Thelonious Monk” di
Campobasso con maestri difama italiana come: Roberto Schiano, Luca Aquino, Roberto Mancini con corsi individuali, combo e big-band.
Nel 2008 frequenta i corsi estivi del “Siena Jazz” con i maestri:
Ettore Fioravanti, Massimo
Manzi, Gianpaolo Casati, Pietro
Tonolo, Stefano Zenni ma continuando anche la sua carriera personale come musicista.
Nel 2013, con un quintetto molisano con a fianco il fratello Nicola Concettini, cavalcano il palco dell’”Umbria
Jazz” in “Piazza IV Novembre” dopo essersi aggiudicato il primo posto al concorso “Conad Jazz Contest”.

Nello stesso anno furono chiamati come ospiti ad un altro festival affermato, quello dell’”Eddie Lang”.
All’età di 24 anni approda in una delle formazioni italiane storiche della musica da ballo, l’”Orchestra Italiana Bagutti”.
Con la media di 260 serate in un anno, programmi televisivi come Canale Italia – Cantando Ballando e lavori in studio.

Dopo tre anni decide di abbandonare il mondo della musica da ballo e di trasferirsi nella città di Firenze dove attualmente vive continuando i suoi studi presso il “Conservatorio L. Cherubini”.
Ma soprattutto riprendendo il lavoro passato con il fratello Nicola Concettini nella scena jazzistica.

Nicola Concettini
giovane sassofonista matura la propria formazione musicale in ambito classico conseguendo il diploma ordinario e specialistico in sassofono classico e successivamente in Jazz con il massimo della votazione.
Si perfeziona sotto la guida del maestro Maurizio Giammarco e dal 2014 la carriera concertistica lo porta ad esibirsi in disparati club jazz, rassegne musicali in Italia e all’estero, protagonista di festival jazz tra i quali: “Umbria
jazz”, “Borgo in Jazz”, “Jazz in Campo”, “Eddie Lang”, “Fossombrone Jazz” tra i tanti.

In Italia è protagonista al fianco di grandi artisti di fama internazionale quali: Maurizio Giammarco, Flavio Boltro, Fabrizio Bosso, Roberto Ottaviano, Carlo Atti.
Impegnato da sempre in ambito didattico, ricopre l’incarico di docente di sassofono presso la scuola secondaria di primo grado, da quattro anni figura come direttore e fondatore di un festival di richiamo nazionale chiamato “Borgo in jazz” gestito dall’omonima associazione della quale è presidente.

Manrico Seghi
nasce a Fucecchio(Italy) nel 1980; si avvicina alla musica iniziando con lo studio del pianoforte classico per poi approfondire il linguaggio del pianoforte jazz.
Nel 2005 inizia ad interessarsi all’organo Hammond folgorato dall’ascolto di alcuni dischi di Jimmy Smith, negli anni frequenta masterclass tenute dai più importanti organisti della scena internazionale, ricevendo gli apprezzamenti anche del più grande organista vivente, Joey deFrancesco.
Il suo stile è caratterizzato da un walking bass molto solido e un fraseggio che affonda le sue radici nella tradizione blues e jazz, dando vita ad un linguaggio sempre alla ricerca del “groove” senza far mancare incursioni bebop
travolgenti. Ha avuto il piacere di dividere il palco con molti jazzisti di fama internazionale come: Scott Hamilton, Fabrizio Bosso, Flavio Boltro, Rachel Gould, Sheila Jordan, etc.
Attualmente è considerato uno dei migliori organisti italiani.

Vladimiro Carboni
Nato a Roma nel 1972. Dal 1982 studia pianoforte per poi passare alla batteria nel 1986.

Frequenta il ‘G.B. Martini’ di Bologna, la Scuola Popolare di Testaccio e il Timba di Roma. E’ attivo sul circuito musicale internazionale dal 1996.
In Inghilterra collabora con Rosalia de Souza, Les Hommes, Rumer, Ian Ritchie, Weird MC, Cibelle e Capitol K. Accompagna inoltre numerosi artisti jazz e world music del calibro di Don Weller, John Etheridge, Seu Jorge, Robin Jones, Pete Lockett, Roland Perrin, Mervin Afrika, Heidi Vogel, David Jean-Baptiste e Gary Baldwin.

Dal 2008 in Italia suona con importanti esponenti della scena blues come Arthur Miles, James Thompson, Larry
Ray e Jamie Dolce; accompagna inoltre Karima, Dolcenera, Renzo Arbore, Rossana Casale, Paolo Vallesi e molti altri appartenenti alla scena ‘pop’ italiana.

In ambito jazzistico suona con Paul McCandless, Jim Rotondi, Lars Janson, Giovanni Falzone, Flavio Boltro, Alessandro Lanzoni, Daniele Tittarelli, Aldo Bassi, Gianluca Petrella, Enrico Bracco, Tom Kirkpatrick, Cettina Donato, Espinoza, Riccardo Arrighini, Jan Harbeck, Tony Cattano, Riccardo Fassi, Alex Sipiagin, Fabio Zeppetella e Fabrizio Bosso.
Collabora stabilmente con il clarinettista Nico Gori nel Nico Gori Swing 10tet.

Partecipa a numerosi festival e show case di Jazz e World Music come Montreux Jazz Festival, Womex, Jazzahead Bremen, London Jazz Festival, Istanbul Jazz Festival, Import Rotterdam, Nancy Jazz Pulsations, Roma Jazz Festival, Skopjie
Jazz, Chicago World Music, Arezzo Wave, Mestico, Sudoeste Festival, Jassbox Oslo e TIM Festival Brasil.
Dal 1994 ha lavorato per le seguenti etichette ed agenzie: Go Discs UK, Mercury US, Warner Jazz, Six Degrees Records, W&B, Schema, Blue Note Europe, ESL,

Wagram, V2, Stereo de Luxe, King Japan e Sudden Hunger Records. Dal 2009 è
endorser Instabul Agop Cymbals poi Vater e Sakae Drums.