Cin cin a San Valentino

di Meri Lolini

Si contano i giorni alla festa degli innamorati.

Già iniziano le pubblicità dei vari ristoranti, dove poter prenotare la cenetta a lume di candela.

Nei negozi dove ancora ci sono i saldi, si cercano i regali che la coppia si scambierà quella sera romantica.

E’ davvero tutto così perfetto?

Codice rosa
Codice rosa

I tanti amati fidanzatini o compagni oppure coniugi hanno un rispetto reciproco così importante ?

La cronaca ogni giorno ci racconta storie drammatiche dove la donna è vittima sia di violenza che arriva a conseguenze estreme come il femminicidio.

La donna è la nostra madre, la donna è la nostra sorella ed infine la donna è la nostra compagna ed anche madre dei nostri figli.

Non dobbiamo mai dimenticare quello che rappresenta la persona donna.

Questi drammi hanno conseguenze gravissime sulla struttura famigliare e dal momento che la famiglia è la cellula della società queste conseguenze sono sociali e relazionali.

Nell’inchiesta sul femminicidio condotta in Italia con analisi statistica di Fabio Bartolomeo del Ministero della Giustizia si può leggere che in quattro anni ci sono stati seicento omicidi e quindi si può dire che in Italia una donna ogni due giorni viene uccisa.

La distribuzione geografica è omogenea  nelle diverse zone del paese.

Questa indagine è relativa al quadriennio 2012 -2016. L’autore dall’analisi delle sentenze risulta essere uno rispetto ad una sola vittima in una percentuale dell’  87,9% e sempre nella stessa percentuale l’autore è di sesso maschile. Sia la vittima che l’autore sono in una percentuale del 75% di nazionalità italiana e n

Meri Lolini
Meri Lolini

el 55% la relazione tra loro è di coppia che siano coniugi o compagni.

La modalità di omicidio è maggiore quella da arma da taglio seguita dallo strangolamento.

Spesso l’autore del femminicidio occulta il cadavere bruciandolo oppure mettendolo in bauli o valige che vengono gettate in mare o in fiumi o nascosti nei boschi. Nella metà dei casi è l’uccisore a dare l’allarme, con la scusa che non ha notizie della compagna.

Da questa indagine sono emerse come cause più frequenti di follia omicida la gelosia, l’amore possessivo e morboso e l’impossibilità di porre nella più totale sottomissione la compagna. In alcuni casi c’è la paura dell’uomo che la sua compagna possa avere una relazione extraconiugale che comporta la separazione con aggravio economico da sostenere.

Questo studio termina con l’esito della sentenza di primo grado che si conclude con l’assoluzione a non doversi procedere per infermità mentale per una percentuale intorno al 13% oppure con la condanna nei casi fino al 85% con anni di carcere che vanno dai 10 anni fino all’ergastolo in seguito alla valutazione completa del reato.

Con questo quadro vorrei ricordare, che in Italia è operativo il Codice Rosa.

Questo accoglie tutte le vittime delle varie violenze e quindi è necessario che ogni vittima abbia la lucidità di valutare gli atteggiamenti ai quali viene sottoposta e si rivolga a questi medici, infermieri ed assistenti sociali per evitare di arrivare a situazioni irreparabili.

E’ necessario comprendere che cosa sia l’amore e che cosa significhi avere un rapporto di coppia basato sul rispetto dell’altro e dell’altra e mai arrivare a certe manifestazioni che fanno male.

Pitagora diceva:” Educa i bambini e non sarà necessario punire gli uomini”

Concludo facendo gli auguri a tutti gli innamorati e vorrei che quel brindisi fosse fatto per noi nel nostro rispetto e nella nostra vita mai sottomessa a nessuno.