App-endenti: ritorno al passato

di Valentina Danesi

4 Giugno 2016

E’ leggero. Di gomma. E ricorda i contapassi tanto amati dagli sportivi.

Ricorda, appunto. Si chiama Pavlock ed è un bracciale ideato dalla società Intelligent Environment per impedire al possessore di effettuare spese “fuori portata“.

Come? Rilasciando una scossa elettrica pari a 340 volt se la spesa effettuata è eccessiva rispetto al conto corrente.

Ecco che per gli shopping addicted arriva in soccorso un nuovo aggeggio che li riporta alla realtà.

Attivarlo, sembrerebbe, semplice. Basta connetterlo al proprio conto bancario, previa approvazione della filiale, e fissare un limite di spesa. Una volta superata viene inviata una notifica sullo smartphone e, se non dovesse bastare, ecco che parte una scossa elettrica.

Utile? Forse. Dolorosa? Può essere.pavlock

In realtà ciò che lascia esterrefatti è il concetto che vi sta alla base. Fortuna dei produttori, presagio per noi. E’ davvero necessario munirsi di oggetto che ci ricordi le nostre possibilità? Che ragioni al posto nostro quando le uniche trasmissioni elettriche che dovremmo liberare sono quelle dei nostri neuroni? Pare sia più facile autopunirsi che soppesare l’acquisto. Ragionare. Essere maturi.

Ad aver dato origine al progetto è stata una ricerca condotta dall’azienda stessa che vedrebbe un terzo dei giovani anglosassoni vittima dell'”effetto struzzo“. Ossia, il timore di tener controllato il conto in banca. Paura che, unita all’insoddisfazione verso i servizi bancari offerti, ha creato il cocktail perfetto per la nascita di questo strumento insofferenti ai lascivi del portafogli. Dopo lotte estenuanti contro l’uso dell’elettricità a fini “terapeutici” nei vecchi manicomi, ecco che torniamo al passato per accendere il cervello.
Ma non solo la scossa. Con un altro dispositivo, Nest, è possibile abbassare la temperatura di casa per ottenere il medesimo scopo. Anni di migliorie per raggiungere focolari accoglienti, efficienti e amici dell’ambiente per poi ritrovarsi nell’Era Glaciale a causa di una fuga di troppo della carta di credito.

La tecnologia ha fatto stupisce ogni giorno per la capacità di superarsi. Chi può negare la comodità di un promemoria che balza continuamente all’occhio? O della messaggistica istantanea, veloce e per nulla dispendiosa? Inoltre, molte applicazioni non sono solo utili, ma salvavita.
Non vanno dimenticati i vantaggi forniti dall’avanzare tecnologico, ma una tecnologia intelligente. Che aiuti, supporti l’individuo. Non che ne annebbi la capacità di raziocinio.

Che aiuti noi a pensare, non che pensi per noi.

Infatti…cosa si stava dicendo?… Meglio controllare l’applicazione.