15 curiositá sull´Oktoberfest

16 Ottobre 2017

di Nicola Accordino

Per chi non lo sapesse, l’Oktoberfest, il famoso festival della Birra che si tienie ogni anno a Monaco di Baviera non è solo birra, schiuma e signorine con scollature generose: ecco per voi 15 curiosità sull’Oktoberfest, la leggendaria festa della birra, che si svolge ogni anno a Monaco di Baviera!

1. L’Oktoberfest non era una festa della birra
Proprio così! Al contrario di quello che tutti pensano, l’Oktoberfest non è nato come una festa della birra, ma per celebrare per l’anniversario del matrimonio fra Teresa di Sassonia-Hildburghausen e Ludwing I, Principe di Baviera. La prima celebrazione si tenne nel 1810 e, da questo momento, la ricorrenza veniva festeggiata ogni anno, ma senza neanche una goccia di birra. Le cose cambiarono quando, nel 1819, la tradizionale parata dei cavalli venne sostituita da quella dei produttori di birra. Inoltre, l’Oktoberfest viene chiamato dagli abitanti di Monaco con il nome di “Wiesn”, il quale deriva da “Theresienwiese”, il campo dove si tiene l’evento che è lo stesso luogo in cui si è sposata la principessa Teresa.

2. L’Oktoberfest è stato cancellato 24 volte
Le cause furono principalmente le guerre e le epidemie di colera. Nella sua 100° edizione, sono stati versati 120.000 litri di birra, che corrispondono a circa 1.500 vasche da bagno.

3. La solita birra non viene servita all’Oktoberfest
Il festival non serve birra normale, ma speciali birre chiamate Oktoberfestbier.Prodotte esclusivamente dai sei birrifici storici di Monaco e servite in 13 tendoni giganti, queste birre sono una specialità prodotta solo per l’Oktoberfest.
Fino al 1892, la birra non era servita in boccali di vetro ma in tazze di pietra. Ora i famosi boccali rappresentano i “souvenirs” più popolari dell’Oktoberfest. Nel 2010, 130.000 boccali di birra sono stati confiscati e portati ai loro proprietari dei tendoni.

4. Il lato alternativo dell’Oktoberfest
All’Oktoberfest non sgorga solo alcol a fiumi! Un’altra caratteristica folcloristica è rappresentata dalla sua musica: Nei tendoni ci sono sempre delle bande che suonano la musica tradizionale bavarese, ma anche cover di canzoni recenti.
Presso il tendone Armbrustschützenzelt, inoltre, potete abbuffarvi di wurstel e cosciotti di maiale, mentre provate a fare un pò di pratica di tiro con l’arco e con la balestra!

5. Campionato alcolico
La birra dell’Oktoberfest è più forte delle solite birrette. L’Oktoberfestbier è servita nel Maß, il classico boccale da 1 litro, e ha una gradazione alcolica media del 6,5%: nonostante ciò la birra viene consumate a fiumi come fosse acqua e l’anno scorso ne sono stati consumati quasi 7 milioni di litri!

6. Non si beve senza permesso!
Se vi immaginate l’Oktoberfest come una festa libera e senza regole, vi sbagliate. All’Oktoberfest non è permesso bere prima che il sindaco di Monaco non ha stappato il primo barile di birra, con la cerimonia dell’“O’ zapft is” (“Si stappa!”).

7. L’Oktoberfest inizia a settembre
Anche se è chiamata Oktoberfest, la leggendaria festa della birra non inizia ad ottobre! Nel corso degli anni la data di inizio è stata anticipata a settembre perchè più soleggiato e caldo rispetto ad ottobre.

8. Si beve per restare in salute!
Dietro la fama dell’Oktoberfest e della sua birra non c’è solo il piacere di fare festa, ma soprattutto una questione di necessità. Prima del 19° secolo non c’era molta acqua potabile in Baviera, e così, per evitare la diffusione del colera e della peste, la gente del posto si dissetava con la birra, più sicura, igienica e molto più gustosa. Alla salute!

9. Paris Hilton è stata bannata dall’Oktoberfest
Per mantenere in sicurezza la celebrazione dell’Oktoberfest, ogni anno tanti ubriachi o esaltati vengono rimbalzati dalla manifestazione: Tra i vip presenti nella lista nera c’è Paris Hilton.
Indossando il tradizionale vestito “dirndl”, la famosa ereditiera comparve all’Oktoberfest nel 2006 senza aver preso accordi con l’organizzazione dell’evento, promuovendo una marca di vino in lattina, il “Richprosecco”. Dopo aver suscitato non poco scalpore tra il pubblico, Paris Hilton è stata definitivamente bandita dal festival per i secoli a venire!

10. Einstein ha lavorato all’Oktoberfest
Albert Einstein, una volta ha lavorato come elettricista e ha contribuito a creare uno dei tendoni della birra nel 1896.

11. I bambini sono i benvenuti
Non solo fiumi di alcol, l’Oktoberfest ha anche un lato family-friendly. L’aspetto carnevalesco dell’Oktoberfest attira ogni anno tantissime famiglie, e tra i suoi tendoni ci sono numerose attrazioni adatte sia ai grandi che ai più piccoli, come il circo delle pulci, le giostre, la ruota panoramica e le montagne russe. Non siete costretti a ubriacarvi a tutti i costi per godervi l’atmosfera briosa dell’Oktoberfest!

12. L’ufficio degli oggetti smarriti è una cassa ricca di tesori
E’ capitato a ognuno di noi almeno una volta di perdere qualcosa quando si è ubriachi: provate a mettere insieme 7 milioni di persone su di giri! E’ facile immaginare che, al termine dell’Oktoberfest l’ufficio Oggetti Smarriti raccolga centinaia di oggetti di ogni genere: vengono ritrovati in media 1000 passaporti, 500 portafogli, 300 cellulari, 300 borse e 50 fotocamere.
Tra i gli oggetti più bizzarri smarriti all’Oktoberfest, come non citare: dentiere, anelli matrimoniali, passeggini per bambini, apparecchi acustici per l’udito, cani, sedie a rotelle e addirittura una lapide!
Inoltre, c’è anche un ufficio bambini smarriti, per tutti i genitori sbadati che perdono di vista il proprio figlio dopo l’ennesimo boccale di birra.

13. L’Oktoberfest ha un proprio ufficio postale
Da qui si spediscono in media 130.000 cartoline e regali ogni anno.

14. C’è un tendone dove si beve vino
La maggior parte delle persone al suo interno hanno più di 40 anni.

15. Più peloso è il cappello, più ricco è chi lo indossa
Durante l’Oktoberfest, i visitatori tradizionali indossano i cappelli bavaresi (chiamati “Tirolerhüte”). Più ciuffi di pelo di capra ci sono sul cappello, più ricchi i proprietari sono considerati. (oggi i ciuffi sono sintetici, così tutti possono apparire ricchi o poveri, come a loro piace).